Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie . Leggi di più

Accetto
Condividi L'articolo

Scarpe da calcio con calzino: funzionano davvero?

Scarpe da calcio con calzino: funzionano davvero?

Era il 2014 quando iniziava la rivoluzione delle scarpe da calcio con l’introduzione del calzino e dei nuovi materiali in tessuto come il Flyknit di Nike e il Primeknit di adidas.

L’inizio fu proprio quello del brand tedesco che a fine febbraio del 2014 lanciò la adidas Samba Primeknit, la prima scarpa realizzata con una tomaia in maglia. Questa scarpa fu lanciata in edizione limitata e non andava a sostituire nessun silo, ma era solo una scarpa esclusiva e per poche persone.

Adidas Samba Primeknit, scarpe da calcio in maglia

Solo qualche giorno dopo Nike presentò a Barcellona, all'interno di un grande evento con il calciatore Andrés Iniesta testimonial, uno degli scarpini più rivoluzionari di sempre: la Magista, la prima scarpa da calcio con calzino e tomaia in tessuto, l’ormai famoso Dynamic Fit Collar.

VIDEO

Fu proprio dalla Magista che iniziò l’era delle scarpe Nike con il calzino. Qualche mese dopo Nike decise di rincarare la dose e presentò la Mercurial Superfly IV, il secondo modello con il Dynamic Fit Collar e una struttura progettata per garantire una calzata senza uguali. L’obiettivo delle scarpe col calzino era, ed è tutt’ora, proprio questo, farci sentire la scarpa come un’estensione della gamba e non come un ostacolo tra noi e il pallone.

La prima scarpa da calcio con il calzino: Nike Magista

Questo obiettivo è mai stato raggiunto? Noi di SoccerHouse24 abbiamo testato praticamente qualsiasi scarpa negli ultimi anni e possiamo dire con certezza che la Magista è stata una scarpa rivoluzionaria sotto tanti punti di vista, ma, per quanto riguarda la performance pura non abbiamo mai considerato il Dynamic Fit Collar una tecnologia che rendesse la scarpa totalmente di un altro livello rispetto ad altre. Sicuramente il Dynamic Fit Collar ha fatto sì che si introducesse il tessuto, in questo caso il Flyknit, come materiale per la tomaia in maniera stabile ed efficace.

Nike Mercurial Vapor e Superfly azzurre

Un esempio recente lo troviamo nelle scarpe da calcio Nike Mercurial, con Superfly e Vapor Elite come top di gamma. Condividono entrambe la stessa costruzione della tomaia in Flyknit ad eccezione del calzino: la Superfly ha un taglio alto, la Vapor ha un taglio tradizionale. Ma al piede la sensazione è praticamente la stessa, certamente si nota di avere del materiale attorno alla caviglia nella Superfly e in un certo senso anche di essere più “fasciati” dalla scarpa, ma è una sensazione personale che non tutti amano e infatti tanti calciatori professionisti continuano a scegliere Vapor anziché Superfly. Quindi si torna al discorso dei gusti personali, come per tutte le scarpe, anche il calzino è una scelta basata sui gusti e non su un dato oggettivo sulla performance.

Concludendo possiamo sicuramente affermare che dobbiamo ringraziare il “calzino”, perchè dalla sua introduzione è iniziata l’era delle scarpe in tessuto, che hanno via via sostituito le scarpe con materiali sintetici, talvolta molto rigidi. 

Ma tu da che parte stai? Calzino o taglio tradizionale?

Potrebbe interessarti